Collane
  • Attualità e Storia
  • Famiglia
  • Psicologia
  • Spiritualità
  • Teologia
  • Altri Libri
  • Narrativa

Studi cattolici n. 703 - settembre 2019

In questo numero
02/09/2019
Studi cattolici n. 703 - settembre 2019

L'editoriale di Cesare Cavalleri

Nel 1988 ci fu una notizia shock per il mondo cattolico: la Sindone, all’esame del radiocarbonio, sembrava risalire al Medioevo. Peccato che il metodo usato dai laboratori di Tucson, Oxford e Zurigo per la nuova datazione sia stato molto approssimativo: Emanuela Marinelli, sindonologa di fama internazionale, ricostruisce a p. 580 la genesi di quell’errata interpretazione, auspicando una nuova campagna di studi multidisciplinari sulla stupefacente Reliquia.

Ma gli scientisti del nostro tempo possono considerare spenta la sete di Dio? Da questa considerazione muove la limpida ricognizione di mons. Marco Doldi, che indaga a p. 586 il rapporto fra tecnologie emergenti e umanesimo, auspicando il recupero dell’ascesi e della meditazione per affrancarsi dalle pressioni del contingente. Dallo speciale osservatorio di «Piazza San Pietro» Aldo Maria Valli a p. 612 informa su Medjugorje (quanti pellegrini in più), Cuba (c’è il nuovo nunzio) e la Siria (6mila rosari benedetti dal Papa per le vittime della guerra).

Vivacissimo il Quaderno dei reportage d’autore: Daniele Gigli (p. 592) racconta il Little Gidding Festival di Londra, Paolo Gulisano ritorna nella sua amata Scozia (p. 596), Silvia Stucchi indaga sui fantasmi del Castello di Trezzo (p. 600), mentre Nicola Lecca ci porta sugli spalti della fortezza di Kufstein, al confine tra Austria e Germania (p. 598). Paladino del cinisimo o un assetato di verità vicino alla conversione? Il «caso Houellebecq » è molto aperto: a p. 631 Andrea Vanniccelli racconta l’inquieto laboratorio del bestsellerista francese.

La crisi di Wall Street nel 2008 ha richiesto un ripensamento del rapporto tra Etica e Finanza: il pensiero di Aristotele, riattualizzato da Alasdair McIntyre, e la Dottrina Sociale della Chiesa offrono ottime argomentazioni per la road map della nuova economia, come ricorda l’informatissimo intervento di Andrea Roncella a p. 616. Tempo di trasformazioni allo IOR: Stefano Masa ragguaglia sul nuovo Statuto e altre novità a p. 622. Pierluigi Magnaschi è stato a lungo direttore dell’ANSA, nessuno meglio di lui poteva raccontare il dilagante fenomeno delle Fake news (p. 624).

La storia di Studi cattolici è strettamente legata al suo primo direttore, don Salvatore Canals (1920- 1975), canonista e autore del best seller Ascetica meditata: a lui è dedicata la rigorosa monografia di Alfredo Méndiz appena pubblicata da RIALP e dettagliatamente recensita a p. 606 da Cesare Cavalleri. Chernobyl, 26 aprile 1986, il disastro nucleare per antonomasia: HBO ha ricostruito l’immane tragedia in cinque densissime puntate: le ha guardate per noi Erica Gallesi a p. 642.

paginazione